M² — Autunno 2019

Il lavoro si interroga pragmaticamente sull’unità di misura da cui prende nome, il metro quadro, esplorando attraverso il dispositivo scenico il confine tra umano e disumano che lo spazio assume rispetto ad un contesto. Il pubblico è l’essenza stessa della performance, la matrice dell’azione che si orchestra in un gioco collaborativo tra sconosciuti. La performance si sviluppa attorno ad una proporzione in scala, tra supercie circoscritta e persone coinvolte, in un crescendo di semplici azioni che viene chiesto di eseguire ai partecipanti volontari. M² gioca con il pubblico sulle condizioni e le capacità collaborative dell’uomo nel pragmatismo della costruzione scenica, vicina ad un esperimento.

24 Ottobre 2019
T Danse – Valle d’Aosta
20 – 21 Novembre 2019
FTT – Cubo Teatro, Torino